— Bellezza Senza Tempo —

Mi è impossibile parlare delle creazioni Buccellati senza riconoscere che molto è dovuto al contesto in cui la nostra creatività s’è formata: la nostra splendida Italia.
Le nostre tecniche sono infatti prese in prestito da cinque secoli di arte italiana. Molti dei celebrati artisti di questo Paese sono stati orafi ben prima di diventare scultori, pittori o architetti. 

Botticelli, Brunelleschi, Donatello o Benvenuto Cellini ci hanno lasciano opere di alta oreficeria da ammirare ed emulare. A questo patrimonio, chiaramente condiviso con altri bravissimi orafi italiani, noi Buccellati abbiamo semplicemente aggiunto il nostro estro e la nostra perseveranza. 

Di padre in figlio ci siamo, infatti, tramandati le abilità tecniche e abbiamo coltivato il vezzo di sorprendere. Guardando un nostro gioiello sono orgoglioso di sapere che è stato disegnato da “un Buccellati" e che è stato realizzato a mano da uno dei nostri orafi. Guardandolo meglio, noto che nel tempo ci siamo persino perfezionati. 

Se mio padre Mario era meticoloso io (mi dicono) sono un perfezionista ed i miei figli (ho sentito dire) sono addirittura maniacali. Creare oggetti perfetti, con procedimenti che nessuno utilizza più, con pietre splendide e rarissime, ormai non è più solo un vezzo di mio padre; è un’eccentricità di famiglia. 

 

— (Gianmaria Buccellati)