Timeline

1891

Nasce Mario Buccellati.

Mario Buccellati

1919

Mario Buccellati apre la sua prima boutique a Milano in 
Largo Santa Margherita. 

1923

Gabriele d’Annunzio, grande amico e cliente di Mario Buccellati,
ordina la collana “sautoir” con rubini e berillo giallo.

(A sinistra: lettera di D’Annunzio a Mario Buccellati)

 

Gabriele d’Annunzio

1929

Nasce a Milano Gianmaria Buccellati. 

1951

Mario Buccellati  apre il suo primo negozio a New York, assistito dal 
figlio Luca. 

 

1954

Viene inaugurato un secondo negozio a New York, sulla Fifth Avenue. 

1973

Insieme a un gruppo di colleghi professionisti del settore,
Gianmaria Buccellati fonda l’Istituto Gemmologico Italiano (IGI),
del quale sarà Presidente per i successivi 25 anni. 

 

1978

All’età di 20 anni, Andrea inizia a lavorare in azienda insieme al
padre e apprende tutti i segreti degli atelier. 

 

1979

Gianmaria Buccellati apre il suo flagship store a Parigi, in place
Vendome, confermando la propria posizione tra i gioiellieri
più prestigiosi al mondo. 

 

1995

Alla San Francisco Academy of Sciences di San Francisco (California), viene
allestita la mostra ‘The Art of Buccellati’, che nel 1996 si trasferisce al
Royal Ontario Museum di Toronto. 

 

2000

Inaugurazione della mostra ‘Buccellati: Art in Gold, Silver and Gems’
allo Smithsonian Institution National Museum of Natural History a
Washington, D.C., che espone una retrospettiva del lavoro di Mario
e Gianmaria Buccellati.

Nello stesso anno il compositore e violoncellista Giovanni Sollima
compone ‘Viaggio in Italia’, che fa il suo debutto alla Carnegie Hall
a New York: l’opera è commissionata da Gianmaria Buccellati
ed è a lui dedicata. 

 

 

2001

Gianmaria Buccellati lancia la sua prima collezione di orologi a Ginevra,
durante il SIHH. 

 

2004

Buccellati organizza a Milano – seguita da Parigi e New York - l’anteprima
mondiale della collezione Animalier, composta da 28 spille a forma di animale
create intorno a straordinarie perle barocche. 

 

 

2006

Inaugurazione della mostra ‘A Silver Menagerie’ presso l’Huntsville Museum of Art
di Huntsville (Alabama), in cui è esposta una collezione di animali realizzati con
le iconiche tecniche di lavorazione ‘a pelo e piume’. 

 

2007

Ispirandosi al colore di pietre inconsuete e di grosse dimensioni, Gianmaria Buccellati
disegna un’intera collezione di anelli da cocktail. La collezione è itinerante e
viaggia in tutto il mondo per un anno intero, suscitando l’entusiasmo di tutti gli
ammiratori del famoso e unico stile Buccellati. 

 

2008

Inaugura la mostra ‘Buccellati, Timeless Art’ al Museo Statale del Cremlino
a Mosca, la prima mai dedicata a un gioielliere ancora vivente.

 Gianmaria Buccellati crea la ‘Gianmaria Buccellati Foundation’, alla
quale dona la sua collezione privata di coppe ornamentali e gioielli, alcune
delle creazioni del padre e disegni suoi e del padre. 

 

2013

Il private equity fund Clessidra SGR diventa primo partner investitore del
marchio Buccellati, con la famiglia che continua a sovrintendere la direzione
creativa della collezione e degli artigiani. Andrea Buccellati è Direttore creativo e
Presidente, Gino segue il settore argento, Maria Cristina Buccellati dirige
la Global Communications e Luca gestisce i rapporti Top Client.

 

2014

Aprono il nuovo store di Bal Harbour e il nuovo corner di BoonTheShop
a Seoul. Contemporaneamente, la boutique di New York si sposta
da 810 a 714 di Madison Avenue, in una townhouse di cinque piani,
completamente arredata secondo il nuovo concept architettonico del brand
e a Capri si inaugura il negozio diretto stagionale.
Una ulteriore spinta espansionistica viene dal corner di Gump’s a San Francisco
dalla presenza a Dubai, presso Bloomingdale’s.
Un anno intenso di crescita e rinnovamento, proiettati verso i grandi passi del futuro.
Nel contempo Lucrezia Buccellati, figlia di Andrea,
comincia la sua carriera di designer all’interno della Maison,
ed è la prima designer donna nella storia del marchio.

2015

Con il progetto Timeless Blue, presentato nel nuovo store di New York,
si rafforza la collaborazione artistica fra Andrea e la figlia Lucrezia:
insieme firmano i cinque oggetti one-of-a-kind
ispirati da dipinti impressionisti e post-impressionisti
che vengono esposti durante l’evento.
Un tributo all’arte pittorica con gioielli che sono in se stessi delle vere
e proprie opere d’arte. Lo stile Buccellati che si lega a filo doppio con il mondo artistico
anche con la esposizione curata dalla Fondazione Gianmaria Buccellati
a Palazzo Pitti, a Firenze, che, al termine, viene ulteriormente ospitata
dalla Reggia di Venaria di Torino.